Seleziona una pagina

Sandali rossi (Words & Music by Jerry Cutillo) 10:01

Nella desolazione della sua cella, Giordano osserva le stelle danzare.  Sospinto da venti remoti e divinazioni, attraversa un magma di coscienze parallele:  “Se è certo che ogni vicenda umana, avviluppata com’è nella rete delle circostanze del momento, non può custodire la verità assoluta, è altrettanto vero che spiriti eletti possano condividere conoscenze anche attraverso i secoli. In uno di questi mondi infiniti, noi… ci rivedremo.”

Immersed in a new astral journey, GB travels through parallel states of mind. Ancient thoughts and precognitions fluctuate into explosive, new realities. “Every human happening, engulfed like it is, into a net of casual circumstances, doesn’t shield the plain truth. It is likewise true, that chosen earth spirits, even lived in different ages, can share knowledge through the mist of times.   In one of these infinite worlds, we will meet”.                                                                

“Clamori di virtualità, templi e divinità lontane ed impalpabili,  verso vapori di terre barbare io e te…voleremo curvi senza sosta. Il buio muove le sue braccia ancora, invulnerabile almeno per un’ora  finchè la notte si alzerà via di qua…lasciando il bosco in trasparenza.         La tua mano stringe un muschio sacro (talismano). La tua radice ha terra da penetrare ancora o cielo come unica dimora,  misteriosa ti alzi nella notte, senza vento ed accendi i sogni miei….  La pioggia cade incandescente, lo specchio d’acqua e piume  respira lentamente  uccelli muti stanno a guardare la metà del mondo vinto dalla tempesta.  Sussurri e grida sento in delirio e lunghi secoli disciolti in un respiro, cado nel buio ma la tua mano ancora  brucerà… di luce nuova la mia aurora.  Un raggio ipnotico brilla sul video, investe le reti informatiche della città, pura energia dal suo apogeo trasmigra già… nel sorriso ambiguo della silfide.                                                          Sei tu qui tra polveri e gas da un freddo esilio muovi al centro del sistema, muti spirito in materia,  subliminale il tuo messaggio mi incatena, non ho paura sai, ti seguo negli abissi ed oltre ovunque andrai vedrai…”