Seleziona una pagina

O.A.K. Jerry Cutillo – dal quotidiano “Il Messaggero” by Francesca Bellino (15 dicembre 2018)

“La musica rock e il figlio ritrovato con una canzone”                                                                                                                                                                                                     Nato e cresciuto al Torrino, a 24 anni scopre il successo e con un pezzo pop scala le classifiche internazionali. Poi il dramma: la compagna scappa con il bambino.

La vita artistica di Jerry Cutillo inizia precocemente insieme a quella di padre, ma entrambe prendono una direzione inaspettata. Quella musicale comincia con un exploit nel mondo della dance con il nome d’arte di Moses, ma presto lascia spazio ad altri generi, mentre quella di padre lo mette di fronte a un trauma che solo grazie alla musica riesce a trasformare in lito fine.

Jerry, era giovanissimo nell’85 quando le fu proposto di interpretare “Our revolution/We just”, canzone che balzò in vetta alle classifiche europee, diventò la sigla di “Discoring” e le regalò grande notorietà ?                                                                                                                                                                                                                  Avevo 24 anni. Registrai negli studi della Pollicino & co alla Montagnola ma mi trovai impreparato a gestire tutto. Non avevo una mia band e non sapevo come rapportarmi con il mondo dell’industria discografica. Ho sempre vissuto al Torrino sud, ero ancora un ragazzo di borgata e non mi piaceva la sensazione di aver fatto poco per meritarmi quel successo. Mi sembrava di camminare su una scorciatoia. E poi non era la musica che mi interessava.

Che musica le piaceva ?                                                                                                                                                                                                                                                Il rock progressive. Avevo avuto un battesimo di fuoco nel mondo del rock psichedelico grazie a Mino De Martino dei Giganti. Era diventato il mio guru.

Però “Our revolution/We just” le ha dato molte opportunità di lavoro e di conoscenza del mondo.                                                                                                                      Si, mi ha cambiato la vita artistica e personale. In classifica e nelle tv ero insieme a Elton John che all’epoca cantava “Nikita”, ai Pet shop boys con “West end girls”, ai Jefferson Starship con “We built the city of Rock & Roll”. Fioccavano contratti con etichette francesi, tedesche e olandesi e durante un tour in Olanda conobbi una ragazza, Joyce. Ci innamorammo, ci sposammo e avemmo un figlio.

La vostra vita a Roma ?                                                                                                                                                                                                                                                 Lei aveva 17 anni. I primi incontri furono in Olanda. Poi un giorno mi chiamò e disse: ”Lunedì arrivo a Roma”. Io vivevo ancora con i miei ma organizzai comunque tutto e cominciammo la nostra vita romana. Due anni dopo nacque Victor. Mi piaceva portarlo a Villa Pamphili e al laghetto dell’EUR.

E poi cosa è successo ?                                                                                                                                                                                                                                            Per una serie di incomprensioni, pochi giorni dopo il battesimo del piccolo, quando sono tornato a casa dal lavoro non ho trovato più Joyce e Victor. Erano scomparsi con i regali del battesimo. Lui aveva 7 mesi.

Cosa ha fatto ?                                                                                                                                                                                                                                                             Ero disorientato. Provai un vuoto estremo. Si resero irreperibili e io vivevo come in una bolla. Per stare meglio scrivevo musica per Victor pensando di comunicare con lui attraverso le canzoni e, nel ’93, quando formai il gruppo new progressive O.A.K. (Oscillazioni Alchemico Kreative), le pubblicai su Internet scrivendo: “Questo sito è dedicato a Victor Cutillo, nato a Voorburg (NL) il 30/10/1987”. Era come buttare in mare un messaggio nella bottiglia.

E’ riuscito a ritrovare suo figlio ?                                                                                                                                                                                                                               Si. Un giorno mi è arrivata una sua mail: “Papà, ti ho cercato a lungo”. Aveva 15 anni. Pensai che quel messaggio rappresentasse l’alba di una nuova vita per me, ma non fu così. Lui non accettava i miei inviti e scoprii che la mamma gli aveva cambiato nome in Richard.

Ma poi vi siete visti ?                                                                                                                                                                                                                                                   Ho dovuto aspettare che diventasse maggiorenne e fosse più libero di scegliere da solo. Andai io ad Amsterdam. Quel giorno scoprii che anche lui faceva musica. E’ un rapper famoso e il suo nome d’arte è INB (Italian and Netherland Blood). La musica ce l’ha nel sangue. A Roma abbiamo registrato insieme una nuova versione di “Our revolution/We just” e io continuo a chiamarlo Victor.